Pubblicato da Lascia il tuo commento

Se vi capita spesso di sentire le gambe stanche, pesanti e gonfie a fine giornata, il vostro problema è sicuramente la ritenzione idrica che colpisce 2 donne su 3 ed è più evidente nei giorni che precedono il periodo delle mestruazioni, questo dovuto agli alti livelli degli ormoni femminili (gli estrogeni) che causano una forte ritenzione idrica che colpisce la permeabilità dei vasi sanguigni.

I gonfiori che si manifestano sono dovuti ai liquidi trattenuti durante la giornata che vanno ad alterare le funzioni e la stesura dei nostri tessuti. Per restituire leggerezza e bellezza alle vostre gambe seguite i miei consigli:

  • Eliminate il sale: questo perché il sodio (ovvero il sale) si trova già naturalmente in moltissimi alimenti sotto forma di glutammato monosodico, una sostanza molto abbondante in natura e usata spesso come additivo nell’industria alimentare. Quindi capirete che il sale è praticamente inevitabile ed aggiungerlo ai nostri pasti diventa inutile. Una quantità eccessiva disturba l’equilibrio degli elettroliti nelle cellule che, oltre ad essere causa di gonfiori, causano anche ipertensione ed altre patologie devastanti. Cercate di insaporire i vostri piatti in modo naturale e salutare, evitando il sale raffinato utilizzando invece spezie ed aromi. 
  • Aumentate l’apporto del potassio: elemento fondamentale per restituire l’equilibrio idrico alle nostre cellule eliminando il sodio in eccesso. Uno degli alimenti più ricchi di potassio è l’asparago che, grazie all’alto contenuto, ha proprietà diuretiche e depurative, utili per allontanare l’eccesso di liquidi e le scorie prodotte dal metabolismo, riducendo cosi la ritenzione idrica, l’ipertensione e la cellulite. 
  • Fate attività fisica: una leggera attività fisica aerobica, anche di soli 30 minuti al giorno, aiuta la circolazione nei vasi sanguigni, prevenendo e migliorando il problema della ritenzione idrica e della cellulite.

Per concludere, ricordatevi di prestare attenzione all’apporto calorico giornaliero e all’assunzione dei grassi!

Articolo scritto da: dr.ssa Maria Papavasileiou – Dietista e Nutrizionista presso Adec Salute
Fonte: www.dieta-personalizzata.it

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Lo Staff di Adec