fisioterapia
Pubblicato da

L’articolazione della spalla rientra nelle articolazioni “più” mobili che compongono il nostro corpo. È composta da numerose strutture tra cui ossa, legamenti, tendini e borse che interagendo tra loro rendono possibile il movimento articolare su tre piani: flesso-estensione, adduzione-abduzione, rotazioni. In caso di dolore la prima cosa da fare è sentire l’opinione di uno specialista che, dopo un’attenta valutazione, può consigliare dei semplici esercizi o delle sedute fisioterapiche.

Perchè la spalla smette di funzionare correttamente?

La grande possibilità di movimento della spalla è garantita da una precisa coordinazione dei muscoli scapolo-omerali. Potrebbe accadere però che tale sincronismo non vi sia più o non sia più del tutto funzionante, ad esempio a causa di:

  • microtraumatismi
  • posture viziate
  • contratture muscolari

Per poter garantire la stessa ampiezza di movimento sarà necessario che alcune strutture dell’articolazione lavorino di più rispetto alle altre, aumentando la possibilità di un danno.

Quali sono le strutture della spalla che si danneggiano più facilmente?

La cuffia dei rotatori è una delle strutture della spalla che si lesiona più facilmente rispetto ad altre (generalmente in pazienti di età compresa tra i 40 e i 60 anni). Altra lesione abbastanza frequente è quella a carico del capo lungo del bicipite brachiale.

Quali sono i sintomi più comuni?
  • dolore notturno
  • limitazione al movimento
  • perdita di forza durante i movimenti dell’arto superiore
  • dolori cervicali

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Adec