Pubblicato da

Va fatto un bilancio dei fattori pro e contro il trattamento. Citiamo alcuni fattori pro estrazione: dente senza antagonista (non serve a masticare), dente impossibile da pulire (si carierebbe e sarebbe da togliere in condizioni più difficili), dente con tasca parodontale anteriore (mettere assolutamente sotto controllo i problemi parodontali per salvare il dente davanti, molto più importante del dente del giudizio), dente con carie profonda (non devitalizzabile e destinato a cariarsi di più), necessità del paziente di avere una situazione priva di sorprese. Tra i fattori contro l’estrazione: insufficiente apertura della bocca, desiderio contrario del paziente. Quando vi sono problemi di articolazione della mandibola non sono facilmente prevedibili gli effetti dell’estrazione. In ogni caso ben difficilmente oggi si considera di qualche utilità il dente del giudizio per fare un ponticello con altri denti anteriori: l’implantologia oggi ha risolto brillantemente il problema. Un criterio guida comunque resta fondamentale: è in grado il paziente di tenere ben pulito il dente del giudizio (con filo e spazzolino usati costantemente)? Se la risposta è sì l’estrazione forse può anche essere spostata in là nel tempo.

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da admin