proprietà te verde
Pubblicato da

Il tè verde è antiossidante, antibatterico e dimagrante. Ma non solo.

Il tè verde, infuso ottenuto dalla camelia sinensis, è una bevanda conosciuta ed utilizzata da oltre 5000 anni in Cina, che si è diffusa poi nei paesi asiatici ed oggi, dopo la sua diffusione nell’occidente, è la bevanda più bevuta al mondo dopo l’acqua. I suoi effetti benefici sono tali che i naturopati lo considerano un eccellente medicinale.

La diffusione del tè verde nell’occidente industrializzato è esplosa soprattutto dopo la scoperta delle sue proprietà anti aging, ma gli effetti benefici del tè verde non sono limitati al suo potere antiossidante visto che questo infuso si è dimostrato utile anche nel contrasto di alcuni tumori.

Proprietà benefiche del tè verde

  • Il tè verde contiene molte sostanze ad azione benefica sull’organismo, come flavonoidi, catechine, tannini, teina, teofillina, vitamine del gruppo B, minerali e amminoacidi.
  • L’effetto antiossidante, che contrasta l’invecchiamento della pelle eliminando i radicali liberi, è dovuto al suo elevato contenuto di antiossidanti naturali quali i bioflavonoidi ed i polifenoli.
  • Azione antibatterica: particolarmente evidente nei confronti dei batteri del cavo orale, grazie al fluoro ed alle catechine, quindi utile nel contrasto della carie. Le foglie possono essere utilizzate contro l’alitosi.
  • Azione dimagrante: il tè verde aumenta il metabolismo ed aiuta a bruciare i grassi in eccesso
  • Effetto diuretico: favorisce il flusso renale eliminando l’acqua in eccesso e gli elettroliti ed è utile anche per contrastare l’ipertensione arteriosa ed il colesterolo in eccesso.
  • Azione antitumorale: dovuta principalmente ai polifenoli e, come messo in evidenza da alcuni recenti studi scientifici dall’epigallocatechina-gallato che svolge un’azione di prevenzione contro il tumore alla pelle, al colon, al pancreas, al seno, all’utero, alla prostata e al fegato.
  • I polifenoli, inoltre, sono oggi oggetto di ricerche perché potenzialmente interessati nella prevenzione di malattie cardiovascolari e di malattie neurodegenerative come il Parkinson e l’Alzheimer.

Controindicazioni

Il tè verde contiene teina, simile alla caffeina e con azione tonica e stimolante, quindi è bene non esagerare con il consumo soprattutto se si è soggetti ad insonnia. Va comunque precisato che, a differenza della caffeina presente nel caffè, la teina, unita ai tannini, viene liberata progressivamente nel corpo, svolgendo un’azione più moderata rispetto alla caffeina.

Come si prepara il tè verde

Anche se oggi si trovano in commercio compresse di estratto secco di tè verde, il modo migliore per gustarlo è rispettare l’antico rituale preparandosi un infuso. La dose ideale, per una tazza, è di circa 2 cucchiaini da caffè. Per evitare di deteriorare i principi attivi si consiglia di non mettere il tè in acqua bollente, ma ad una temperatura di 85/90 °C. È anche possibile far raffreddare il tè verde e berlo come ogni altro tipo di tè freddo.

 

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Lo Staff di Adec

Powered by Alessio Santo