Pubblicato da Lascia il tuo commento

Dopo il servizio di “Striscia la Notizia” del 27 gennaio con la testimonianza dei gravi rischi corsi da un bambino che aveva mangiato biscotti “senza latte” e si è ritrovato in shock anafilattico per la sua intolleranza al lattosio si è riaperta la discussione sui rischi che corrono le persone intolleranti al lattosio.

Cos’è l’intolleranza al lattosio

Può manifestarsi fin dalla nascita ed è dovuta alla mancanza dell’enzima Iattasi ma è piuttosto rara e spesso confusa – i sintomi sono molto simili – con l’allergia alle proteine del latte vaccino, più comune nei neonati.

L’allergia al lattosio, che nel caso degli adulti non è nemmeno considerata una patologia vera e propria nonostante provochi più di un problema intestinale (tra gli altri, diarrea, flatulenza…) si manifesta in genere nei bambini in età prescolare o scolare e può presentarsi con diversi livelli di gravità.

Il lattosio è il principale zucchero del latte e la mancanza dell’enzima che ha la funzione di renderlo digeribile comporta una serie di rischi che vanno da i problemi intestinali, più o meno seri, allo shock anafilattico.

Il caso riportato da “Striscia” è certamente un caso limite ma non basta comunque evitare latte e suoi derivati per stare tranquilli. 

Il lattosio negli alimenti…

Il lattosio non solo è presente – anche se in minime quantità – in altri tipi di alimenti come cipolle, uova e pere ma, sopratutto, è spesso usato come additivo nell’industria alimentare: insaccati, prodotti da forno, preparati per dolci, cereali da prima colazione…

…e nei farmaci

Sapevate che le pillole anticoncezionali, il 20% dei farmaci prescrivibili con ricetta ed il 6% di quelli da banco contengono lattosio? Anche se le controindicazioni valgono solo per le persone che soffrono di una grave intolleranza, è bene sempre essere prudenti e sapere cosa si assume.

Cosa fare

L’intolleranza al lattosio nei bambini può scomparire con la crescita o mantenere una presenza più o meno “forte” e quindi condizionante per la dieta e la vita quotidiana.

E’ molto consigliabile, sia per i bambini che per gli adulti che ne hanno sofferto o che presentato la sintomatologia intestinale passare in ADEC e sottoporsi all’apposito test del respiro (breath test). 

E’ un test assolutamente non invasivo, molto veloce ed in grado di dare risultati immediati e certi. 

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Lo Staff di Adec

Powered by Alessio Santo